Chi siamo.

Il progetto imprenditoriale di Tiziana, Clemente e Giacomo Funaro inizia nel 2003, quando decidono di valorizzare le uve coltivate nei vigneti di famiglia, da tre generazioni, impegnandosi, in prima persona, nell’attività produttiva e attorniandosi di collaboratori motivati e competenti che costituiscono l’attuale squadra della azienda vinicola Funaro.

Alessandro gestisce la conduzione biologica dell’azienda agricola ed accoglie i visitatori della cantina; Stefano, Totò, Castrenze, Pietro, Pietrino, Salvatore, Gino e Fabio si prendono sapientemente cura di ogni singola vite e di ogni albero di ulivo; Rosario, detto Sasà, con la sua esperienza, trasforma i grappoli in ottimo vino e sorveglia tutte le fasi del processo produttivo sino al confezionamento del prodotto; Pippo, Calogero e Giacomo “detto Giacomino” coadiuvano Rosario in cantina, accogliendo l’uva in ingresso dalla campagna ed accompagnandola durante tutto il processo produttivo; Mario coordina sapientemente la rete vendita Italia; Tiziana si occupa dell’amministrazione e degli aspetti fiscali; Clemente cura personalmente i mercati esteri, promuovendo i vini, ma soprattutto, la filosofia aziendale.

E dulcis in fundo…Giacomo coordina il lavoro di questa squadra, ben assortita ed affiatata. Per noi un buon vino è anche frutto di un confronto costruttivo e di una sana collaborazione tra tutti i componenti della squadra.

Siamo un’azienda ecosostenibile.

L’azienda agricola si estende per 85 ettari di superficie, divisi tra vigneti (60 ettari), oliveti (15 ettari), seminativi, ortaggi, alberi da frutto ed aree di compensazione ecologica.

Tra i comuni di Salemi e Santa Ninfa, in provincia di Trapani, in una zona a spiccato indirizzo vitivinicolo compresa tra i 150 e i 450 metri s.l.m., sono coltivate con impegno e dedizione sia varietà autoctone, quali Inzolia, Cataratto, Grillo, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone, che internazionali, quali Chardonnay, Muller Thurgau, Syrah, Merlot, Cabernet Sauvignon. Gli oliveti sono situati a 450 metri s.l.m., nel territorio di Santa Ninfa, in un’area particolarmente vocata alla produzione di olio extra vergine di oliva, quale è la Valle del Belice.

All’interno dell’azienda sono presenti specchi d’acqua che garantiscono le risorse idriche necessarie all’irrigazione dei vigneti, soprattutto nelle annate più siccitose, per mantenere sempre alta la qualità delle uve che vengono vendemmiate a mano, per garantire il massimo rispetto delle piante ed una maggior selezione del prodotto.
Nel 2011 sia l’azienda agricola che la cantina hanno raggiunto un importante traguardo: la certificazione “Bio”. Tutti i terreni dell’azienda sono coltivati con moderni e tradizionali metodi di agricoltura biologica; per la nutrizione delle piante si utilizzano concimi organici (privi di metalli pesanti) e sovesci di leguminose; per la difesa non si adoperano sostanze chimiche di sintesi ma solo moderni prodotti a basso contenuto in rame e zolfo; infine, per riequilibrare l’ecosistema naturale, si realizzano e si mantengono aree di compensazione ecologica.

Il nostro decalogo del “Rispetto”

  1. Non produciamo milioni di bottiglie né tanto meno adoperiamo sofisticate tecniche di trasformazione; semplicemente ci prendiamo cura delle nostre uve seguendo il ritmo della natura.
  2. Le nostre uve provengono esclusivamente dalle tenute aziendali condotte secondo le più moderne tecniche di Agricoltura Biologica (reg. CE 834/07).
  3. Tutti i nostri prodotti sono Biologici e certificati da un organismo di controllo autorizzato.
  4. I prodotti a marchio DOP sono certificati da una società autorizzata per la certificazione della qualità nell’agroalimentare.
  5. Tutti i nostri vini contengono meno di 100 mg/l di solforosa totale, ben al di
    sotto del quantitativo ammesso nei regolamenti comunitari.
  6. Nei processi produttivi utilizziamo le più moderne tecnologie e la massima igiene, che ci permettono di ottenere prodotti salubri a tutela dei nostri consumatori.
  7. Siamo dotati di un moderno ed attrezzato laboratorio di analisi che ci consente di controllare costantemente tutta la produzione.
  8. Per il packaging dei prodotti utilizziamo bottiglie di vetro di bassa e media pesantezza, per evitare un utilizzo superfluo di vetro e, per il materiale di comunicazione, carta di pura cellulosa ecologica a basso contenuto di cloro E.C.F.
  9. La cantina è stata realizzata secondo moderne tecniche di architettura ecocompatibile, che consentono di ridurre al massimo l’emissione di Co2 nell’ambiente (prospetto esterno a “cappotto termico”, fotovoltaico, solare termico).
  10.  Le acque reflue prodotte vengono depurate naturalmente mediante un processo di fitodepurazione attiva che consente di riutilizzarle nell’irrigazione delle colture agricole.

 

 

La cantina.

La struttura produttiva della cantina Funaro è piccola ma all’avanguardia: l’area vinificazione è attrezzata con tecnologie di ultima generazione e la moderna linea d’imbottigliamento garantisce la massima cura nel confezionamento dei prodotti.

La bottaia è interrata per due lati, in modo da assicurare il microclima ottimale necessario all’affinamento dei vini, nelle botti di rovere e acacia, e dello spumante (Metodo classico). Un moderno impianto di termocondizionamento e un “cappotto termico esterno”, unitamente ad un impianto fotovoltaico integrato ed un impianto solare termico, consentono un significativo risparmio energetico e quindi contribuiscono alla salvaguardia dell’ambiente.

L’ecosostenibilità in cantina è assicurata anche da un processo di “Fitodepurazione Attiva®”, grazie al quale tutte le acque reflue, prodotte durante i processi produttivi, vengono depurate naturalmente (con un sistema integrato di roccia vulcanica filtrante e canne palustri micorrizate), e possono essere riutilizzate per l’irrigazione delle colture agricole.